Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione Cookie Policy

L'Albo pretorio è stato, finora, un luogo fisico: il portico esterno o la classica bacheca di legno, dove l'Ente affigge ogni atto, documento o avviso che deve essere reso pubblico, cioè diffuso, portato a conoscenza di tutti i cittadini.

Albo Pretorio On Line

La forma cartacea rimane solo in originale mentre è fatto espressamente obbligo di pubblicare sul proprio sito internet istituzionale tali documentazioni

Il motivo dell'esistenza dell'albo pretorio è proprio quello di rendere pubblico tutto quello che la pubblica amministrazione decide, contribuendo a renderne "trasparente" l'azione.

Trasparenza Amministrativa

In molti casi un atto della pubblica amministrazione non ha efficacia, cioè non ha validità legale, se non è pubblico o affisso in un luogo pubblico (appunto, l’albo pretorio).

Da gennaio 2011, con la legge 69/2009,  l'albo pretorio si trasforma e diventa "virtuale". Tutti i documenti e gli atti che devono essere divulgati/diffusi sono resi pubblici tramite Internet mentre sui tabelloni esterni verranno esposti solo manifesti di avvenimenti culturali, sportivi, di pubblicità, ecc.
Le regole con le quali funziona l'albo pretorio non cambiano, rimangono invariate. Cambia lo strumento: al posto del documento stampato e affisso all’albo pretorio c'è un sito web.

smartformazione di Francesco LIBERATI